Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nei giorni scorsi il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" ha provveduto ad installare a Inverigo una nuova bacheca in località Lazzaretto, che rappresenta il punto di inizio del territorio inverighese nel PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) “Zoc del Peric”. Come già noto, lo scorso anno il Comune di Inverigo ha formalmente aderito al Parco conferendovi un’ampia porzione di territorio di Cremnago, pari a circa 100 ettari, andando così a raddoppiare la precedente superficie del PLIS (fondato nel 2009 dai Comuni di Alzate Brianza e Lurago d’Erba), passando così da 100 a 200 ettari circa.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Relatore il ricercatore Roberto Sergio Azzoni che parlerà appunto della riduzione dei ghiacciai a causa del riscaldamento globale; anche questo secondo incontro della Rassegna “Il Pianeta sta bruciando!” è organizzato dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, col patrocinio dei comuni di Inverigo e Lurago d’Erba. Roberto Sergio Azzoni - dipartimento di Scienze Ambientali - Università degli Studi di Milano

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ma quale piena del fiume Lambro, la diga delle Fornaci di Inverigo si poteva evitare
“La diga è un’opera invasiva; le aree golenali devono rimanere naturali”
INVERIGO (CO) – “A noi non risulta che negli scorsi giorni vi sia stata una piena del fiume Lambro fino a Inverigo, tale da aver giustificato l’attivazione della diga delle Fornaci”.  È così che le nostre associazioni ambientaliste confutano le parole del Parco Valle Lambro, che nel suo comunicato diramato questa settimana ha affermato che “la Diga delle Fornaci, è stata determinante per risolvere una delicata situazione di pericolo che nelle ultime ore ha visto coinvolta la Valle del Lambro”.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sala piena anche per il secondo incontro della Rassegna "Il Pianeta sta bruciando!", organizzata dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”. Il ricercatore Azzoni a Inverigo: “Se non facciamo nulla, entro il 2080 in Italia i ghiacciai spariranno!”“Nel 2080 rischiamo di non avere più ghiacciai sulle nostre Alpi! Infatti i ghiacciai rischiano la scomparsa a causa dell’inquinamento prodotto dall'uomo”. È questo, in estrema sintesi, l'allarme lanciato venerdì scorso a Inverigo, in occasione del secondo appuntamento della Rassegna “Il Pianeta sta bruciando!”, organizzata dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi", in collaborazione con i comuni di Inverigo e Lurago d'Erba.

Feed RSS

Collegati su Twitter o Telegram e seguici

 

    

 

 

©2022 Sito realizzato da ARCI Noerus aps

Search

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.