Cos'è l'ansia climatica?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
"Sono cresciuta con la paura di annegare nel mio letto"
- Mitzi Tan, 23 anni, dalle Filippine
Con queste parole una ragazza di 23 anni ci ha raccontato cos'è per lei l'ansia per la crisi climatica. E non è l'unica.

La comunità di Avaaz ha appena finanziato la più grande ricerca mai realizzata sull'ansia per il cambiamento climatico nei bambini e nei giovani, intervistando 10mila persone in 10 paesi in tutto il mondo. In ogni paese, abbiamo trovato livelli d'ansia molto alti. Ma non sono dovuti solo ai disastri climatici a cui stiamo assistendo: sembra che il fattore più grave sia la consapevolezza che i governi non stanno prendendo provvedimenti concreti per fermare la crisi.

Possiamo ancora fermare la furia climatica. C'è ancora spazio per la concreta speranza di un cambio radicale. Sappiamo cosa è necessario e cosa devono fare i governi. Quello che ancora manca, disgraziatamente, è una forte volontà e determinazione politica.

La ricerca ha scoperto che:

 45%
Per quasi la metà dei giovani intervistati (45%) l'ansia climatica colpisce direttamente la quotidianità, il modo di giocare, mangiare, studiare e dormire.

 75%
Più di sette su dieci (75%) sentono di "avere paura del futuro", arrivando all'81% dei giovani in Portogallo e al 92% nelle Filippine.

 58%
Il 58% sente che i governi "stanno tradendo questa e/o le generazioni future", mentre il 64% ha affermato che i loro governi non stanno facendo abbastanza per evitare una catastrofe climatica.

 39%
Quasi quattro giovani su dieci (39%) non sono sicuri di voler avere dei figli.

Quanto emerge è preoccupante. Secondo gli psicologi non sono solo i bambini ad essere colpiti. L'ansia da clima affligge persone di tutte le età, ovunque.

In questa email cerchiamo di approfondire il tema dell'ansia climatica, come possiamo imparare a conviverci e a trasformare questo sentimento in speranza e azioni per il nostro pianeta. Stiamo anche aprendo uno spazio in cui i membri di Avaaz possano condividere le loro esperienze, e cercare aiuto e ascolto nella comunità (vedi pulsante sotto).

I risultati di questo studio potrebbero avere un ruolo chiave anche in tribunale, nelle molte battaglie legali sul clima intraprese dai giovani, come la storica causa sul clima contro 33 governi, che i membri di Avaaz stanno aiutando a finanziare. E poi quest'anno ci sarà un cruciale vertice sul clima delle Nazioni Unite, e faremo di tutto per assicurarci che la ricerca venga letta da tutti, i politici e le delegazioni, e orienti i negoziati e le decisioni dei governi. La notizia di questa ricerca sta già rimbalzando su tutti i media, con grande copertura tra le principali testate internazionali, e il Segretario Generale dell'ONU ha persino citato i risultati nel suo gran discorso ai leader mondiali, incredibile!


Condividi queste informazioni:      

Cos'è l'ansia climatica?

L'ansia climatica sono le emozioni, come la preoccupazione, la frustrazione, il dolore e anche la rabbia, legate alla crisi climatica e alla continua incapacità dei nostri governi di rispondere con la dovuta urgenza.

La paura e il sentimento di essere stati traditi dai propri governi, creano grande disagio e difficoltà, ma sono una risposta perfettamente normale e sana alla distruzione della natura e l'inerzia politica.

Non si tratta di "curare" o "risolvere" la nostra ansia, ma di imparare a conviverci. Per ognuno di noi, si tratta di riconoscere quei sentimenti e rispettarli, per poter affrontare la crisi e attribuire le giuste responsabilità, senza disperarsi o negare la realtà.

Questa ansia spesso deriva da un amore profondo e genuino per la natura e il pianeta. Come potremmo non sentirci preoccupati? Il problema non è quello che sentiamo, il problema è la realtà della crisi climatica, ingigantita dall'inazione dei governi.


Cosa possiamo fare rispetto all'ansia climatica?

Se l'ansia climatica è una risposta sana e naturale, come conviverci? Ecco alcuni suggerimenti e idee della Climate Psychology Alliance (Alleanza per la psicologia del clima) che possono aiutarci:
  • Pensare che non siamo soli. Ci sono molte altre persone che provano gli stessi sentimenti, ma magari non ne parlano.
  • Creare uno spazio per parlare del cambiamento climatico, in particolare dei sentimenti che suscita in noi e negli altri. Ascoltare le emozioni dei più giovani e prendere sul serio i loro sentimenti. Riconoscere che i loro sentimenti sono motivati e sono segno di grande sensibilità. È normale sentirsi tristi e frustrati considerando la situazione attuale.
  • Pensare che non è tutto sulle nostre spalle. Ognuno può fare solo la sua parte, e anche se è vero che l'azione individuale ha EFFETTIVAMENTE un reale impatto, questo è un problema di tutti e come tale va affrontato. Sosteniamo la voglia di agire dei giovani, anche quando il risultato può sembrare minimo. Avaaz è la prova che unendo tante singole azioni, si può fare una grande differenza!
  • Prendersi cura di sé fisicamente ed emotivamente Sembra ovvio, ma soddisfare i nostri bisogni primari può aiutare ad aumentare la nostra resilienza e darci stabilità.
  • Trascorrere del tempo nella natura. Connettersi con la natura e godere della sua bellezza aiuta. Il nostro amore per la natura può ispirare la nostra lotta per proteggere il pianeta.

Condividi la tua esperienza

Sentire un certo grado di ansia climatica è una risposta naturale e parlarne è utile. Per questo stiamo creando uno spazio in cui ciascuno di noi può condividere la sua esperienza su come sta vivendo l'ansia per il cambiamento climatico, magari anche quando ci porta ad agire. Clicca per leggere le storie degli altri avaaziani e condividi i tuoi pensieri e le tue idee. 


Che epoca la nostra! Ci troviamo di fronte a una delle più grandi minacce di sempre alla vita sul Pianeta, e potremmo essere l'ultima generazione a poter fare qualcosa. E al tempo stesso siamo ancora in tempo per salvarci e permettere alla natura di prosperare. La paura e il dolore della crisi è inevitabile, ma poi può rivelare il meglio di noi: suscitare creatività, ispirazione ed empatia per noi stessi e gli altri. Così nasce la speranza per un cambiamento radicale, una speranza consapevole della dura realtà, eppure capace di restare determinata, tenace e generosa. È esattamente ciò di cui il mondo ha bisogno in questo momento.

Con fiera speranza e infinita determinazione,

Patricia, Anneke, Pascal, Martyna, Huiting, Camille, Bert, e tutto il team di Avaaz

©2021 Sito realizzato da ARCI Noerus aps

Search